Quando alla vergogna non c’è limite

 

"Cosa significa vivere in un Paese che ha il più alto tasso di persone scortate nel mondo? Racconterò la terra, la quotidianità e lo farò attraverso i quotidiani locali che escono in edicola e tradiscono i tempi della guerra che tutti i giorni si realizza nel sud Italia. In Campania da quando sono nato ci sono stati 4 mila morti, la media di due al giorno. Se accadesse a Parigi nessun sindaco potrebbe essere eletto. In Italia è possibile perché è sempre stato così". Roberto Saviano

 

Roberto Saviano racconterà pure, come in molti sostengono (secondo me a torto), fatti che molti conoscono, ma per renderci questo servigio ha donato la sua libertà personale. Poi senti un servo come Emilio Fido, che pagherebbe per vendersi, denigrare così un vero giornalista e ti sale la rabbia per un paese dalla morale alla rovescia. D’accordo che degli escrementi non bisognerebbe occuparsi, ma a volte il fetore è così alto che è impossibile ignorarlo.

Questa voce è stata pubblicata in Politica controcorrente. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Quando alla vergogna non c’è limite

  1. Chiara ha detto:

    Inutile dire che Saviano ha colto nel segno,ma perché Fido non passa mai oltre le stronzate che dice?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...