Egalitè, Giustiziè, Legalitè

 

Sabato 11 Ottobre 2008 – ore 10:00

 

I° Giornata Nazionale della Legalità – Piazza Navona

 

Raccolta firme per il referendum contro il Lodo Alfano

 

Italia dei valori e Rifondazione: raccogliamo firme in 3.500 città

 

L’11 ottobre comincerà ufficialmente la raccolta delle firme contro il Lodo Alfano. Ad annunciarlo è il leader dell’Idv Antonio Di Pietro in una conferenza stampa organizzata a Montecitorio insieme ad Arturo Parisi del Pd («ma non sono qui a nome del mio partito»), al segretario del Prc Paolo Ferrero, a Carlo Leoni della Sinistra Democratica e a Manuela Palermi del Pdci.

Mancano i Verdi, ma è molto probabile che loro aderiranno alla seconda delle manifestazioni indette l’11 ottobre. Già, perchè se la sinistra e l’Idv sono unite nel «fronte-anti-lodo-Alfano», restano divise nelle piazze. L’11 ottobre infatti, spiega Ferrero, che definisce l’evento «la fine della ritirata», ci sarà «una manifestazione di sinistra» che sarà non solo contro il governo, ma anche contro Confindustria, per la difesa dei salari e «per la nazionalizzazione delle banche». E poi ci sarà quella promossa dall’Idv per la raccolta delle firme a Piazza Navona. «Io spero in un gesto simbolico che unisca le due piazze» osserva Manuela Palermi, ma per il momento i cortei dovrebbero restare divisi. E su quale possa essere il «gesto simbolico» “unificatore” lei non vuole dire di più.«In tutte e due la manifestazioni però – assicura Ferrero – ci si impegnerà per la raccolta delle firme contro una legge» che, a detta di tutti i promotori del referendum, «è incostituzionale, ‘castalè e solo in difesa del privilegio di quattro persone». «Questo referendum lo vinceremo» avverte Parisi, ma il risultato comunque importa poco perchè la battaglia «è così importante che va combattuta comunque». È una battaglia in «difesa della democrazia» aggiunge Di Pietro. «È davvero doveroso raccogliere le firme contro questa legge che è stata fatta solo per assicurare l’impunità permanente a Berlusconi, alla faccia della “giustizia è uguale per tutti”».

 

All’iniziativa promossa da Di Pietro aderisce volentieri anche il segretario del Prc Paolo Ferrero perchè il lodo Alfano «è solo una “legge castale”», afferma con forza durante la conferenza stampa. «E poi – aggiunge Ferrero – non importa il fatto che la Consulta si debba pronunciare su questa norma perchè la Corte costituzionale agisce su un piano giuridico, noi, invece, con la raccolta delle firme per il referendum agiamo su un piano politico». «Guai se insieme alle finanze – incalza Arturo Parisi – saltasse anche la democrazia. Guai se con la scusa dell’emergenza il potere passasse tutto nelle mani di chi ne ha abusato. Il lodo Alfano è un abuso, un clamoroso oltraggio alla democrazia» e quindi, per Parisi, che partecipa alla conferenza stampa a nome dei «Democratici per la democrazia», va cancellato.

 

Questa voce è stata pubblicata in Politica controcorrente. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...