Siamo tutti un po’ Uolteriani. Frattanto danno i numeri

 

Fonte: http://www.robertocorradi.it/

http://current.com/e/89432796/it_IT

 

di Roberta Lericiwww.bambinicoraggiosidue.blogspot.com

 

Strana la "piazza" di oggi. C’erano tutti, (almeno un milione di persone) perché tutti sanno che a questo governo bisogna opporsi. Ma se dovessi dire quale fosse lo stato d’animo del popolo del PD, l’ultimo aggettivo che mi verrebbe in mente sarebbe "sereno". Non c’era serenità al Circo Massimo, ma persone preoccupate. Preoccupate per il futuro, preoccupate per il presente. C’era il gazebo del Manifesto, che rischia di chiudere, e raccoglieva offerte, c’era il gazebo dei socialisti che raccoglievano firme, ma erano troppo lontani per capire cosa chiedessero di firmare. Preso d’assalto il gazebo dell’IDV per la raccolta firme del referendum contro il Lodo Alfano, quello che Veltroni non appoggia ma Parisi sì. Il popolo del PD non obbedisce ai dettami del capo e firma contro il Lodo Alfano, chiede se c’è anche Di Pietro, (sotto il gazebo anche lui tutto il giorno). Vuole che PD e IDV siano alleati, come dimostra il sondaggio commissionato da Repubblica. Sono più responsabili e lungimiranti del loro leader. In Parlamento ci sono solo le loro due forze: a che pro smarcarsi per fare "un’opposizione diversa"? Anche Casini ha annunciato di non scendere in piazza perché "l’UDC è diversa, l’opposizione la fa in parlamento". Davvero? E come fa a farla se sono in quattro? Se ognuno dei partiti di opposizione dicesse, "La nostra è un’opposizione diversa", sparirebbe anche quella poca opposizione che si può fare quando i numeri sono così impietosi. Io credo che oggi "essere diversi" sia una colpa imperdonabile. E poi, diversi da chi? I mille distinguo sul come-fare-cosa, hanno portato alla situazione attuale. Una situazione dove il leader del PD oggi riceve un’ovazione per aver detto che "l’Italia è un paese antifascista". E’ questa la frase simbolo della giornata, quella che dovrebbe farci capire quanti passi indietro abbia fatto la nostra democrazia negli ultimi mesi. Voglia di manifestare insieme, tanta. C’erano anche i comitati "No Dal Molin" con uno striscione di 30 metri. C’erano tanti ragazzi, ma tanti erano anche gli ultraquarantenni tornati a manifestare dopo anni. Parla solo Veltroni. Archiviato Jovanotti, si chiude con l’inno di Mameli. Forse l’Italia s’è desta. E Berlinguer sembra così lontano…

 

 

Ecco l’entusiasmante balletto delle cifre:

 

 

  • Per il PD: due milioni e mezzo (2.500.000) di persone
  • Per Il Giornale: in un articolo sono 500.000, in un altro un milione (1.000.000).
  • Per la Questura: stima ufficiosa di 200.000, più tardi corretta dicendo che il Circo Massimo contiene 600.000 persone a cui andrebbero aggiunte quelle che si trovavano nelle strade limitrofe.
  • Per la Polizia di Stato: un esponente delle forze dell’ordine di Roma,  in servizio alla manifestazione, ritiene che nella stima della Questura ci sia stato ”un errore” e che con il Pd fossero in circa 800.000, visto che il Circo Massimo, secondo stime fatte in passato, può contenere ”500-600mila persone”.
  • Per il Sole 24ore: ”Per il principio dell’impenetrabilità dei corpi, non si va oltre le 300.000 persone
  • Per Claudio Caprara, giornalista: “Non è paragonabile a quella del 2002 della CGIL, ma neppure confrontabile nelle dimensioni a quella di Berlusconi di Piazza San Giovanni dello scorso anno. Questa era un terzo di quella di Cofferati e quattro volte quella del PDL senza Casini”.

 

Visto che ci sono vengo anche ai contenuti del discorso di Uolter Veltroni: persuasivo (a parole – i fatti degli ultimi anni dimostrano il contrario) su alcuni punti: scuola, ricerca, ecologia; efficace su argomenti come il razzismo o il ruolo centrale dello Stato; ambiguo su ragionamenti riguardanti i soldi alle banche oppure la legge per le elezioni europee (bene la difesa del voto di preferenza, ma lo sbarramento che impone la dittatura del bipartitismo saprei io dove metterglielo); fissato alle propulsioni peggiori del paese sulla questione sicurezza; totalmente distratto e omertoso su due temi cruciali: la difesa della laicità dello Stato e la giustizia e relative leggi ad personam per quel branco di corrotti che continuano a fare i propri comodi indisturbati. Rimandato (non dico dove).

Questa voce è stata pubblicata in Politica controcorrente. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...