Verità scomode

 

di Vittorio ArrigoniBlog: http://guerrillaradio.iobloggo.com/

 

Dante non avrebbe saputo immaginare gironi così infernali come le corsie dei dannati negli ospedali di Jabalia. La legge del contrappasso qui è applicata al rovescio. Tanto più innocente è la vittima tanto meno viene risparmiata dal martirio delle bombe. Al Kamal Odwan, all’ Al Auda, le piastrelle in ceramica dei pronti soccorsi sono sempre belle lustre, gli inservienti hanno sempre un gran da fare a ripulirle dal sangue che gronda dall’incessante via vai di barelle cariche di corpi massacrati. Iyad Mutawwaq stava camminando per strada quando una bomba ha aperto uno squarcio in un edificio poco distante. Insieme ad altri passanti si era precipitato per prestare i soccorsi, mentre una secondo ordigno colpiva il palazzo, uccidendo un padre di 9 figli, due fratelli, e un altro passante che al pari di Iyad era corso sul posto per aiutare i feriti. La solita storia ripetuta, dieci, cento volte.

 

La tecnica preferita di ogni terrorismo ricalcata alla perfezione dall’ esercito di Tsahal. Si lancia un bomba, si attendo i soccorsi, si ribombardano feriti e soccorsi. Per Iyad queste sono bombe americane ma portano l’autografo anche di Mubarack, il dittatore egiziano che qui Gaza fa concorrenza ad Olmert in capacità di catalizzare livore. Dietro il letto di Iyad, un anziano con le braccia ingessate sta disteso con gli occhi fissi al soffitto, non proferisce più parola, mi dicono abbia perso tutto, famiglia e casa. Fissa le crepe di un intonaco che cade a pezzi come per cercare una risposta alla disfatta della sua esistenza. Khaled ha lavorato 25 anni in Israele, prima dell’ultima intifada. Come gratifica Tel Aviv non gli ha concesso una pensione, ma una serie di missili aria-terra sulla sua abitazione; presenta ferite su tutto il corpo da schegge di esplosivo. Gli chiedo dove andrà a vivere una volta dimesso dall’ospedale. Mi risponde dove sta ora la sua famiglia: per strada. Come la sua, numerose famiglie non sanno più dove rifugiarsi.

 

I più fortunati hanno trovato ospitalità da parenti e conoscenti, come abbiamo verificato, ma si può definire vita lo stipare un centinaio di persone in due appartamenti di 3 stanze ciascuno? Due bombe sull’abitazione di Ahmed Jaber hanno messo in fuga la sua famiglia, ma troppo tardi. Una terza esplosione ha sepolto sotto le macerie 7 suoi familiari, e anche due bambini di 8 e 9 anni suoi vicini di casa. Dice “ci hanno fatto fare un salto all’indietro nel 1948. Questo è il supplizio per il nostro attaccamento alla patria. Possono staccarmi le braccia e la gambe dal tronco, ma non mi lasceranno mai abbandonare la mia terra”. Un dottore mi prende in disparte e mi confida che la figlia di 7 anni di Ahmed è arrivata in pezzi, stava contenuta in una minuscola scatola di cartone. Non hanno avuto il coraggio di riferirglielo per non deteriorare le sue già precarie condizioni di salute. In serata anche a Iyad hanno portato via il telefono per non fargli pervenire cattive notizie. Un tank ha centrato la casa della sorella, decapitandola. Alla fine la nostra imbarcazione del Free Gaza Movement non è giunta al porto di Gaza. A 100 miglia dalla meta designata, in acque internazionali, sono stati intercettati da 4 navi da guerra israeliane, disposte a far fuoco e ammazzare il nostro carico di dottori, infermieri e attivisti per i diritti umani. Nessuno deve osare ostacolare la mattanza di civili che continua ininterrottamente da 3 settimane.

 

A est di Jabilia, dinnanzi al confine, testimoni oculari parlano di decine di corpi in putrefazione per le strade, le loro carni putrescenti sono divorate dai cani. Ci sono anche centinaia di persone impossibilitate a muoversi, diverse ferite; le ambulanze non possono sopraggiungere nell’aera perchè ovunque ci sono cecchini che sparano. I palestinesi sono esausti di schiattare nell’indifferenza generale, e diversi accusano anche croce rossa internazionale e Onu di non fare abbastanza. Di non ottemperare in pieno al loro dovere, di non rischiare la loro vita per salvarne centinaia di altre. Andremo noi dell’ ISM, a piedi, con delle barelle, laddove l’umanità ha oltrepassato i suoi confini e si è eclissata. I soloni coi culi di pietra poggiati nei salotti buoni della politica discettano di strategie belliche e di guerra contro hamas, mentre qua ci stanno letteralmente massacrando.

 

Bombardano gli ospedali, e c’è chi ancora si pronuncia sul diritto di Israele all’autodifesa. In qualsiasi stato che si definisce minimante civile, l’autodifesa è proporzionale all’offesa. In questi 20 giorni abbiamo contato 1075 vittime palestinesi, l’85% civili, più di 5000 feriti, dei quali più della metà sono minori di 18 anni. 303 i bambini orrendamente trucidati. Fortunatamente solo 4 vittime civili israeliane. Come a dire che per Israele il giusto bagno di sangue per vendicare ognuno dei suoi civili ammazzati, è quello di sterminarne almeno 250 della parte avversa. Ditemi se vuoi che se questa sproporzione fra difesa e offesa non vi riporta agli eccidi compiuti come rappresaglia nelle pagine più nere della storia moderna europea.

 

Ma veniamo al punto, di legittima difesa si tratta? Ai Marco Travaglio,  ai Piero Ostellino, ai Pierluigi Battista e agli Angelo Panebianco, che insistono con la loro solfa imputando ad Hamas la responsabilità di questo genocidio in quanto trasgressore della tregua fra Israele e Palestina, vorrei ricordare la posizione delle Nazioni Unite. Il professor Richard Falk, relatore speciale delle Nazioni Unite per i Diritti Umani ha espresso idee chiare in proposito: Israele ha di fatto rotto la tregua in novembre sterminando bellamente 17 palestinesi. Nel mese di novembre si erano registrate zero vittime israeliane, zero vittime come in ottobre, come nel mese precedente e quello precedente ancora. Lo ha ricordato recentemente anche il premio Nobel ed ex presidente USA Jimmy Carter.

 

Dispiace, che giornalisti come Travaglio, su cui riponevamo la nostra stima perchè estremo baluardo di una informazione libera e quanto più possibile veritiera, si siano infiltati l’elmetto dell’IDF e intrattengo le masse dinnanzi al tubo catodico dilettandosi nello sport più di moda da queste parti, il tiro a segno sugli infanti. Batto i tasti in un ufficio dell’agenzia di stampa Ramattan, attorno i reporters palestinesi vestono giubbotti antiproiettili ed elmetti. Non tornano ne stanno per recarsi dinnanzi ai carri armati, siedono semplicemente davanti ai loro computer. Due piano più sopra gli uffici della Reuters sono stati appena colpiti da un razzo, due feriti gravi. Quasi tutti i piani dello stabile sono vuoti al momento, sono rimasti i giornalisti più eroici, questo inferno in qualche modo deve continuare a essere raccontato. Poco prima l’esercito israeliano aveva rassicurato la Reuters di non evacuare, di restare negli uffici perchè sicuri.

 

Stamane bombardato e distrutto anche l’edificio delle Nazioni Unite, stabile messo in piedi anche coi soldi del governo italiano. Berlusconi, esisti? Diversi i morti e feriti. John Ging, capo dell’UNRWA, agenzia dell’ONu per i profughi palestinesi, testimone oculare, parla chiaramente di bombe al fosforo bianco. Nel quartiere Tal el Hawa di Gaza city, un’ala ospedale Al Quds è in fiamme, imprigionata dentro insieme ad una quarantina fra medici e infermieri e un centinaio di pazienti anche Leila, nostra compagna dell’ISM. Ci ha raccontato per telefono le loro ultime drammatiche ore. Un carro armato è dinnanzi all’ospedale e cecchini sono ovunque, sparano a qualsiasi cosa si muova. Tutt’attorno la distruzione, nella notte hanno osservato dalle loro finestre un edificio colpito dalle bombe incendiarsi, e udito le urla di terrore di intere famiglie, di bimbi, implorare aiuto. Non hanno potuto muoversi e impotenti, hanno osservato quei corpi arsi dal fuoco riversarsi in strada e ridursi in cenere. L’inferno si è rivoltato e al suo centro nel cuore di Gaza, noi siamo i dannati di un odio inumano. Restiamo umani. Vik

 

 

 

 

Da http://segniditempesta.blogspot.com/

 

 

Ma possibile che chi ha studiato e fatto politica per anni possa credere che stiano cercando di far fuori Santoro solo perchè ha litigato con l’Annunziata o perchè è stato filopalestinese????

Ma dai……

 

Ecco i motivi veri e seri per i quali molti poteri forti in Italia vogliono far fuori Santoro;

 

1) http://www.annozero.rai.it/category/0,1067207,1067115-1080169,00.html

Giovedì,25 Settembre,”Il ritorno della CAI”;il grande imbroglio Alitalia-Cai viene denunciato attraverso le testimonianze di chi lavora e c’è persino un servizio sullo scandaloso volo Roma-Albenga.

Secondo voi i 18 soci della cordata CAI e il ministro Scaiola non se l’erano legata al dito???

 

2)http://www.annozero.rai.it/category/0,1067207,1067115-1080255,00.html

Giovedì,2 Ottobre,”Italiani brutta gente”; Annozero,dopo un’estate di follie razziste di giunte,sindaci e vigili che sembravano usciti da un film di comici ubriachi,da voce a Bonsu,picchiato dai vigili a Parma e ad un’amico di Abba,il ragazzo ucciso per 2 biscotti,e fa fare una figuraccia ai razzisti nostrani.

Pensate che la Lega non se lo ricordasse???

 

3)http://www.annozero.rai.it/category/0,1067207,1067115-1080487,00.html

Giovedì ,16 Ottobre,”Chi perde paga”;In piena crisi economica,mentre si destinano miliardi a salvare banche e speculatori,Annozero dà voce alle operatrici dei call-center che saranno licenziate e indica che anche i poveri e i lavoratori,anzi,soprattutto loro,pagheranno la crisi.

Secondo voi Confindustria e i banchieri/finanzieri se n’erano dimenticati????

 

4)http://www.annozero.rai.it/category/0,1067207,1067115-1080999,00.html

Giovedì,13 Novembre,”Fannullone a chi?”;mentre Brunetta offende i lavoratori delle pubbliche amministrazioni (e non ha ancora smesso..),Annozero mostra in che stato pietoso sono certi uffici statali,come la giustizia,senza fondi e atrezzature,e restano aperti solo grazie ai sacrifici e all’impegno di chi vi lavora,mentre evidenzia sprechi dei politici.

Secondo voi,Brunetta e compagnia,non lo ricordano???

 

5)http://www.annozero.rai.it/category/0,1067207,1067115-1081128,00.html

Giovedì,20 novembre,”Il futuro che mi merito”; In piena riforma-massacro della Gelmini e in piena contestazione studentesca di questo,Annozero dà voce ai ragazzi dell’Onda e mostra le parentopoli ,le truffe e le inefficienze delle università.

Berlusconi-Gelmini se l’erano scordato???

 

6)http://www.annozero.rai.it/category/0,1067207,1067115-1082217,00.html

Giovedì,18Dicembre,”Questione morale”;in piena bufera corruzione pdl e pd,Annozero mette a confronto DiPietro con l’alieno Ghedini e scava sulle volontà di insabbiamento delle leggi in preparazione.

Berlusconi e il PD se l’erano scordata ???

 

Aggiungiamo poi Travaglio, che per quanto di destra ,filoisraeliano,poco simpatico,e tutto quel che si vuole,ha fatto comunque diverse introduzioni di puntata veramente documentate,scomode al limite dell’esplosività.

 

Insomma,giornalisti liberi e scomodi, nell’Italia del pensiero unico che odia la libertà e diversità delle espressioni e ama i grandi inciuci.

E qualcuno vuole far credere che non vogliono AnnoZero per la lite con la Donna Lucia del potere o per aver mostrato 4 palestinesi morti?????

Questa voce è stata pubblicata in Politica controcorrente. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...