Rosa di terra

 

Nacque in Polonia, visse in Germania. Consacrò la sua vita alla rivoluzione sociale, finché non venne uccisa. All’inizio del 1919, gli angeli custodi del capitalismo tedesco le spaccarano il cranio colpendola con il calcio del fucile.

Rosa Luxemburg è stata una fervente pacifista, una convinta oppositirice dell’’imperialismo, che in quanto metodo specifico di accumulazione è inseparabile dallo stesso capitalismo, critica perspicace al divorzio tra socialismo e democrazia. La sua lezione è più che mai attuale, specialmente in ciò che dovrebbe rappresentare la democrazia interna ad un partito (vero pd?).

 

 

La libertà è sempre la libertà di dissentire.

 

 

 

Chi non si muove, non può rendersi conto delle proprie catene.

 

 

 

La storia è la sola vera insegnante, la rivoluzione la miglior scuola per il proletariato.

 

 

 

Il controllo pubblico è assolutamente necessario. Quando non esiste, lo scambio di esperienze si riduce al circolo chiuso dei dirigenti del nuovo regime, La corruzione risulta inevitabile.

 

 

 

Senza elezioni generali, senza totale libertà di stampa, e di riunione, senza un libero dibattito di opinioni, la vita muore nelle istituzioni pubbliche, diventa una caricatura della vita dove solo la burocrazia è un elemento attivo. La vita pubblica si addormenta gradualmente, e pochi leader del partito, dotati di energia inesauribile e di esperienza illimitata, governano e comandano. Fra loro, non più di una dozzina di teste comandano realmente, e una minoranza selezionata della classe operaia è invitata, ogni tanto, a riunioni dove applaude i discorsi dei leader e approva le risoluzioni all’unanimità

 

 

 

Solo estirpando alla radice la consuetudine all’obbedienza e al servilismo, la classe lavoratrice acquisterà la comprensione di una nuova forma di disciplina, l’autodisciplina, originata dal libero consenso.

 

 

 

Il vostro ordine è costruito sulla sabbia. Già domani la rivoluzione si ergerà nuovamente ed annuncerà con un suono di squilla: Ero, sono, sarò.

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...