La scoria siete voi

 

Un dovere preciso: NO AL NUCLEARE!

 

di Guglielmo Ragozzino Il Manifesto

 

L’affare dell’energia è formidabile; un po’ complicato, magari. Ieri Italia e Francia si sono accordate per un programma nucleare che in ipotesi potrebbe portare alla costruzione di quattro centrali in Italia nel giro di una decina di anni.

Le centrali non serviranno a risolvere i problemi energetici o ambientali italiani che sono diversi e maggiori. Grandi spazi di apprendimento scientifico non ce ne saranno: un altro obiettivo mancato. I francesi infatti sono titolari da molti anni di una loro tecnologia che riprodurranno tal quale da noi. Noi, in cambio, toglieremo dai guai la società francese del nucleare, Areva, che ha difficoltà a piazzare i suoi reattori. Nessuno al mondo li compra. Ma queste sono considerazioni meschine, come lo sarebbe contrapporre al nucleare il risparmio energetico o le rinnovabili. Da una parte vi sono grandiosi investimenti per imprese potenti che muovono capitali enormi; dall’altra piccole attività di persone comuni che vorrebbero scegliere, decidere della propria vita.

I francesi dell’Edf, Electricité de France, controllano in Italia la vecchia Edison, destinata, nel modello liberista, a svolgere il ruolo di concorrente di Enel. In nome dell’Europa, Edf ha avuto libertà di movimento. Ma in nome del grande capitale ha fatto un accordo con Enel, sottoscritto, ieri dai presidenti, Nicolas e Silvio. Edf ed Enel non saranno più veri concorrenti, ma soci, a braccetto. Nei dieci o quindici anni necessari a produrre il primo chilowatt, Edf, proprietaria delle centrali nucleari francesi, venderà a tutti i distributori italiani l’energia elettrica in eccesso che le è tecnicamente impossibile immagazzinare. I vantaggi per l’industria elettrica italiana saranno nell’importare energia al prezzo di liquidazione dei francesi e metterla in vendita nella rete italiana al prezzo maggiorato del sistema italiano. Inoltre i costruttori nazionali – Marcegaglia a capo della fila – potrebbero ricavarne qualche commessa.

L’impegno preso dal governo italiano, il primo tifoso di Enel, è quello di garantire l’ordine pubblico nei dintorni delle erigende centrali. Il sistema italiano dei reattori atomici è stato fermato dalla volontà della popolazione, venti e più anni fa. Più tardi, in questo secolo, un’intera regione, la Basilicata, ha impedito di scaricare a Scanzano Ionico le scorie di tutte le centrali dismesse. Così i francesi avranno chiesto – e ottenuto – garanzie e assicurazioni economiche: simili eccessi non si ripeteranno, avranno promesso in coro l’Enel e il governo italiano.

La gestione delle scorie è il motivo addotto da Obama per chiudere di nuovo ogni finanziamento governativo ai programmi di nuove centrali nucleari in Usa. Qui in Italia rimane un mistero.

Come altri misteri sono i siti per le centrali, i modelli stessi del nucleare all’italiana, tenuto conto che quello auspicato ancora non esiste, e soprattutto il nome di quel generoso mecenate che pagherà per gli studi e le prime esperienze del futuro atomo. Ma – volete scommettere? – il suo nome è Pantalone.

 

Questa voce è stata pubblicata in Ambiente. Contrassegna il permalink.

2 risposte a La scoria siete voi

  1. Unknown ha detto:

    Tu dici che le centrali non serviranno a risolvere i problemi energetici o ambientali italiani. E quali sono le soluzioni? (non mi dire rinnovabili, che oggi non possono soddisfare il fabbisogno energetico). E poi dici che i francesi hanno tutto da guadagnare? Allora leggi qui: http://fazioso.wordpress.com/2009/02/25/lassurdita-del-il-governo-sta-svendendo-lenergia-ai-francesi/ per capire che l’accordo prevede 4 centrali con maggioranza Enel in Italia e l’acquisizione di una quota del 12.5% in centrali di maggioranza Edf in Francia. Edf inoltre mette a nostra disposizione la tecnologia nucleare tra le migliori nel mondo. Inoltre con un trattato sarà importata la normativa francese sul nucleare (la migliore) permettendoci di aggirare la burocrazia italiana. In generale non sarei affatto contro un eventuale possesso dei francesi sulle nostre centrali ma questo non è affatto il caso.

  2. Michele ha detto:

    Sono controil nucleare per tutti i motivi possibili immaginabili: economici, pratici, ambientali, etici (referendum è una parola che dice nulla?). Leggiti gli studi di Rubbia e Rifkin se vuoi farti una cultura, non le veline di forza italia. E il vantaggio farncese è talmente evidente che solo un anonimo cieco può non vedere.La soluzione? Le fonti rinnovabili ovviamente (investimenti, ricercapiù posti di lavoro) ma soprattutto il risparmio energetico. Il nuclerae scoriatevelo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...