31 anni e un giorno fa …

 

Trentuno anni dopo. Migliaia di persone, soprattutto giovani, hanno partecipato ieri a Cinisi alla manifestazione davanti alla sede di Radio Aut, l’emittente dalla quale Peppino Impastato e i suoi compagni denunciavano e ridicolizzavano i boss mafiosi locali.

 

Radio Aut è stato il luogo di partenza del corteo che ha ripercorso gli ultimi passi di Impastato la sera del suo assassinio, avvenuto il 9 maggio del 1978.

«Pensavamo – dice Giovanni Impastato, fratello di Peppino – che dopo la grandissima affluenza dell’anno scorso per il trentennale della morte, quest’edizione sarebbe stata meno partecipata. Invece sono migliaia i giovani venuti da tutta l’Italia per ricordare mio fratello. Evidentemente credono fortemente nel messaggio di rottura lanciato da Peppino. Un messaggio ancora molto attuale a fronte di una situazione politica che tende a schiacciare su due soli blocchi il pensiero politico nazionale, lasciando ai margini l’opposizione critica».

 

Solo nel 2002 TanoBadalamenti è stato condannato all’ergastolo come mandante del delitto, per anni archiviato come incidente da inquirenti che avevano accreditato la tesi secondo la quale Peppino sarebbe morto mentre stava preparando un attentato dinamitardo. Nel 2000 la commissione parlamentare Antimafia ha approvato un relazione in cui si afferma che rappresentanti delle istituzioni hanno depistato le indagini. Recentemente, l’ultimo covo di Totò Riina, la villa in via Bernini a Palermo, è stato assegnato al Centro Peppino Impastato.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Ricordi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...