Carte col cerone

 

Diventa, ogni giorno che passa, sempre più instabile e pericoloso.

 

Fonte: La Repubblica

 

Silvio Berlusconi pensa "veramente" ad una proposta di legge di iniziativa popolare da far firmare "a milioni e milioni di cittadini" in appoggio alla sua riforma del Parlamento con la riduzione al massimo di 300 deputati e 150 senatori: "Voglio vedere – ha detto – se non l’approvano". E sulle riforme dice: "Per farle l’opposizione non è necessaria". Dopo le polemiche suscitate dalle dichiarazioni al meeting di Confindustria, dove il premier ha parlato di "Parlamento pletorico" e di "numero di deputati da ridurre", e dopo le dure risposte alle critiche del Pd, oggi il nuovo affondo. Ma il Cavaliere torna a parlare anche di giustizia, del caso Mills e di elezioni europee, non risparmiando nuovi attacchi alla sinistra: che si assicura i voti, dice, di chi è "malato di invidia".

 

"Le mie dichiarazioni travisate". In un’intervista all’emittente radiofonica ‘Rtl 102.5’, il premier prima di tutto ha ribadito di essere stato travisato nelle sue dichiarazioni sul Parlamento. "C’è la registrazione televisiva e la registrazione radiofonica… Ho detto soltanto una cosa: ho detto che il Parlamento italiano è pletorico. I 630 deputati sono troppi e a causa di questo e in base ai regolamenti attuali per fare una legge ci vogliono 20 mesi, perchè la legge deve passare dalla Commissione all’Aula e poi alla Commissione del Senato e ancora all’Aula e poi deve tornare indietro se qualcosa è stato cambiato… E allora ho detto che non si può pretendere di essere uno stato moderno andando avanti così. Questo è ciò che ho detto".

 

"Milioni di elettori pronti a firmare la legge". Poi torna ad insistere: "Sto veramente pensando ad un disegno di legge di iniziativa popolare – ha aggiunto Berlusconi – per diminuire, che so, a 300 il numero dei deputati e a 150 il numero dei senatori". Proposta che le Camere non potrebbero che recepire, dice il Cavaliere: "Voglio vedere il Parlamento non votare positivamente, non approvare una legge che fosse presentata col sostegno di milioni e milioni di elettori!".

 

Giustizia, entro un anno separazione ordini. Nell’intervista il Cavaliere affronta anche il tema giustizia. "Ho garantito più volte che non mi ritirerò dalla politica se non quando sarà diventata legge dello Stato la separazione degli ordini" tra "il giudice che giudica e l’avvocato che accusa", dice ai microfoni di Rtl. C’è un progetto, aggiunge. "Lo stiamo preparando e immagino sarà fatto nel prossimo anno".

 

Caso Mills, boomerang per la sinistra. Quanto al caso Mills, ribadisce che "sarà ancora una volta un boomerang che rafforzerà la mia parte politica e indebolirà la sinistra e i suoi giudici".

 

Elezioni europee. Infine, l’appuntamento elettorale per le Europee del mese prossimo. "I sondaggi ci danno al 45% e io ho indicato come obiettivo al nostro congresso nazionale il 51% come il risultato da attingere del nostro partito nei prossimi anni", dice il presidente del Consiglio. E se gli italiani, aggiunge, non disperderanno il loro voto sulle piccole formazioni o sulla sinistra, "il nostro gruppo parlamentare avrà la possibilità di essere determinante in Europa". Poi l’affondo: "Chi è malato di invidia personale e di odio politico vota per la sinistra". Seguito dall’invito: "Le persone che amano la libertà e vogliono restare liberi penso votino per il Popolo della libertà".

 

All’Europa, continua Berlusconi, bisogna dare un "drizzone", sottolineando come non esista una politica europea unitaria a livello internazionale o di energia o di ambiente. Quello che serve, ribadisce, è un presidente del Consiglio europeo "che non duri in carica solo sei mesi".

 

La Rai e il canone. Una stoccata, infine, alla Rai e alle trasmissioni più invise al premier. "La televisione pubblica che abbiamo oggi è l’unica televisione pubblica che attacca il governo, con una pluralità di trasmissioni infinita, tant’è vero che sono sempre di più gli italiani che non pagano il canone, perchè non sono d’accordo che con i loro soldi si paghino Annozero, Ballarò, Report e tutte queste trasmissioni di contrasto con la politica del governo e con il leader del governo": quest’ultima dichiarazione è stata fatta da Berlusconi ai microfoni di Canale Italia.

 

 

 

La risposta non può che essere questa:

 

Al di là delle chiacchiere, la verità è che Silvio Berlusconi vuole mettere la mordacchia al parlamento e alla magistratura, sottomettendoli al governo. Si tratta di un proposito golpista, che non a caso venne realizzato in Italia solo da fascismo.

Di fronte a questa vera e propria emergenza istituzionale è necessaria e urgente una mobilitazione di massa di tutte le forze democratiche. Ed è francamente vergognoso che il Pd, l’Idv e l’Udc non accettino nemmeno di incontrarsi per coordinare un’iniziativa comune, perdendosi in obiezioni pretestuose e intese solo alla speculazione elettorale.

Per parte nostra, nel riproporre un coordinamento unitaria di tutta l’opposizione, come Prc e Lista comunista siamo impegnati nella raccolta di firme in calce a una petizione popolare che chiede le dimissione di Berlusconi per indegnità morale. Proponiamo a tutta l’opposizione di farla propria e di sommergere Berlusconi con milioni di firme.

(Paolo Ferrero)

Questa voce è stata pubblicata in Politica controcorrente. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...