Enel in bolletta

 

Nella settimana pre-elezioni europee GreenPeace ha diffuso i dati di un sondaggio sottoposto ai candidati sul ritorno al nucleare in Italia. Bene l’unica Lista che si è dichiarata apertamente anti-nuclerare era quella Anticapitalista Rifondazione – Comunisti Italiani, che non ha superato lo sbarramento. Contro si sono schierati anche Sinistra e Libertà, anch’esso non avrà rappresentanti, e l’Italia dei Valori, l’ultimo baluardo a cui aggrapparsi (9 intrepidi coraggiosi). Il Pd si è spaccato più o meno a metà, mentre totalmente favorevoli sono il Pdl, l’Udc e la Lega. E in questo quadro generale l’Enel su quale fonte energetica poteva mai investire e sprecare delle risorse? In Italia non ci saranno ancora impianti prettamente funzionanti, le scorie e le testate atomiche ci fanno insidiosamente compagnia, ma di test(at)e di cazzo ne abbiamo a bizzeffe.

 

 

 

Fonte: http://www.greenpeace.org/italy/news/enel-debito-nucleare

 

Roma, Italia — In un video su YouTube l’amministratore delegato di Enel – Fulvio Conti – chiede agli azionisti di supportare l’aumento di capitale. Ma in che modo l’azienda investirà le nuove risorse finanziarie? Con un video blog il nostro direttore – Giuseppe Onufrio – spiega le ragioni delle nostre critiche e chiede chiarezza sugli investimenti futuri nel nucleare.

 

La ricapitalizzazione per quasi 8 miliardi di euro servirà ad Enel per poter rifinanziare una parte del debito accumulato negli ultimi mesi. Un debito salito da 50 a 61 miliardi di euro soprattutto per l’acquisizione della società spagnola Endesa. Di Endesa, Enel non ha comprato le fonti rinnovabili. Solo nucleare e centrali a carbone!

 

Ad aprile abbiamo lanciato il rapporto finanziario "ENEL: prospettive e rischi degli investimenti in energia nucleare" – elaborato dal Prof. Stephen Thomas dell’Università di Greenwich a Londra – che dimostra come i debiti di Enel crescerebbero di oltre 30 miliardi di euro, se la società concretizzasse le intenzioni dichiarate in questi mesi sullo sviluppo del nucleare.

 

Riguardo ai nuovi reattori Epr – che Enel vorrebbe costruire in Italia – nessun impianto è già in funzione. Esistono solo due cantieri: uno in Finlandia e uno in Francia. Nel cantiere finlandese si stanno accumulando enormi ritardi e i costi sono già raddoppiati. L’autorità di sicurezza nucleare finlandese, inoltre, ha riscontrato 2100 non conformità nel corso della costruzione.

 

Durante il passaggio in Senato del ddl "sviluppo", il ministero del Tesoro ha appena dichiarato che l’intero provvedimento sul nucleare è "in contrasto con l’articolo 81 della Costituzione". Nella lettera indirizzata alla commissione Bilancio della Camera si legge che le misure potrebbero determinare "incrementi delle tariffe a carico dei consumatori".

 

C’è un altro punto critico. Enel ha investito in vecchi reattori di epoca sovietica in Slovacchia e Romania e decide di vendere quote di Enel Green Power, la divisione specializzata in energie rinnovabili, non solo la più redditizia ma anche la più strategica per l’ambiente.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Ambiente. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Enel in bolletta

  1. Chiara ha detto:

    Ho sonno,nonte,non ho letto,so solo che sta pubblicità"invenell\’enel"ha rotto e preferirei investire nei mulini a vento!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...