La linea dell’inquietudine

 

I bellissimi murales messicani di Luciano Valentinotti, nato a Fiume nel 1929, nomade obbligato e messicano d’adozione dal 1966. Nei suoi quadri c’è un Messico immobilmente vitale e disperato.

 

Fonte: http://www.losatajos.org/

 

 

Titolo: Bailando

 

 

Titolo: El pianista legendario

 

 

Titolo: Fantasticando è più facile

 

 

Titolo: Il passero

 

 

Titolo: Colori in cielo

 

 

Titolo: Kabul

 

 

Titolo: Acteal

 

 

Titolo: Terror y tragedia in Chiapas

 

 

Titolo: Illusione

 

 

Titolo: Sin pasaporte

 

 

Titolo: Farfalle

 

 

Titolo: Esclavitud

 

 

Titolo: Machismo extremo

 

Questa voce è stata pubblicata in AmericaLatina. Contrassegna il permalink.

5 risposte a La linea dell’inquietudine

  1. Chiara ha detto:

    Sono davvero bellissimi…

  2. Silvia ha detto:

    Con i colori esprime ciò che la vita ha da offrire (dolore, paure, gioie). Davvero molto interessante.

  3. Michele ha detto:

    Le menti più pure e più pensose sono quelle che amano i colori. Lo diceva Ruskin e non è poco.

  4. Chiara ha detto:

    Se lo diceva quel gran disegnatore di Ruskin allora ha un suo fondamento,ma a pensarci bene non ha tutti i torti

  5. Michele ha detto:

    Ho in mente una raccolta di pensieri di Ruskin. Quindi tieni sottomano il diario…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...