E la vespa si divorò i flori…s

 

di Giorgio SantelliArticolo21 http://www.articolo21.info/index.php

 

Berlusconi consegna le case d’Abruzzo a Porta a Porta. Ballarò va spostato perchè dà fastidio al Sovrano

Porta Porta spazza via Ballarò. La decisione è stata presa dal Vice direttore generale della Rai Antonio Marano, a quanto pare, su richiesta dei vertici della Rai. Uno spostamento per non far sovrapporre due programmi di approfondimento visto che Silvio Berlusconi consegnerà le prime casette ai terremotati dell’Abruzzo. A reti quasi unificate, dunque, per non distogliere l’attenzione degli italiani. Una decisione senza precedenti, che dà l’idea del regime mediatico in cui l’Italia è caduta. Guai, infatti, a distogliere l’attenzione degli italiani sulla campagna di autopromozione del governo e di Silvio Berlusconi. Una decisione che ricorda i cinegiornali del ventennio, quando tutta l’attenzione dei media doveva essere prostrata alle esigenze del regime. Un motivo in più per andare a manifestare il 19 settembre.

 

Uno speciale di Porta a porta in prime serata martedi’, dedicato alla consegna delle prime case ai terremotati d’Abruzzo, fara’ slittare la prima puntata della nuova stagione di ballaro’.

La decisione e’ stata presa per ‘valorizzare un momento importante per il paese’, come ha spiegato Antonio Marano, vicedirettore generale della Rai. ‘Per Ballaro’ non c’e’ alcun problema, e’ solo uno spostamento che abbiamo ritenuto opportuno visto il tipo di evento e per non far sovrapporre due po’rogrammi di approfondimento’.

Ballaro’, che doveva essere dedicata alle ultime vicende politiche, potrebbe andare in onda in un altro giorno della settimana o direttamente martedi’ prossimo.

 

E’ un atto immotivato ai miei occhi, non riesco a comprenderne le ragioni. Avremmo potuto trattare gli stessi temi dello speciale di Raiuno, non vedo il motivo di sostituirci’: a dirlo e’ Giovanni Floris, dopo la decisione della Rai di far slittare Ballaro’ da martedi’, per far posto su Raiuno ad una prima serata di Porta a aporta sulla consegna dele prime casec ai terremotati d’Abruzzo. ‘Abbiamo un inviato in Abruzzo da due settimane – spiega Floris -, e la cerimonia del 15 settembre era un avvenimento previsto da prima che presentassimo la trasmissione. Naturalmente poi avremmo parlato anche di altro, di attualita’ politica e di attualita’ economica. La prima puntata era stata inoltre presentata una settimana fa in una conferenza stampa tenuta alla presenza del capo ufficio stampa Rai’.

Per questo, conclude Floris, ‘sono dispiaciuto, certo, ed e’ dire poco. E’ come aver lavorato per mandare in stampa un giornale e vederne poi un altro in vendita nelle edicole.

A tutti quelli che mi telefonano allarmati dico che mi auguro che sia solo un episodio sgradevole e grave, e che mi auguro che andremo in onda prima possibile dicendo tutto quello che abbiamo da dire’.

 

Per Giuseppe Giulietti, portavoce di Articolo 21 "Se ancora ci fosse stato bisogno di una conferma, la decisione della Rai di sopprimere la puntata di Ballarò affinchè gli italiani siano costretti a seguire lo speciale di Porta a Porta sulla consegna delle casettte ai terremotati, è la prova provata del regime mediatico che stiamo vivendo. La distribuzione delle case è un grande fatto di interesse nazionale, cui va dato alto risalto e completezza di diritto di cronaca. Ma come si può pensare di chiudere tutte quelle trasmissioni che rischiano di allontanare gli spettatori dall’evento che riguarda il Sovrano?. E’ l’ennesima ragione per partecipare alla manifestazione del 19 e, a questo punto, chiediamo alle autorità di garanzia che vi sia una diretta della manifestazione.Nemmeno le monarchie non costituzionali avrebbero disposto un utilizzo simile dei media.  Di questo passo sarà sempre più difficile chiedera agli italiani di pagare il canone che è ormai una tassa sul conflitto di interesse.  Chi ha pensato di sopprimere Ballarò per lo speciale di Porta a Porta, abbia il coraggio di fare il proprio "dovere" fino in fondo. Si decida di trasmettere gli eventi che coinvolgono il sovrano a reti Raiset unificate!".

 

 

 

di Stefano CorradinoArticolo21

 

"… Si vuole dare l’idea che il problema terremoto è risolto quando decine di migliaia di persone sono ancora senza casa. Non capisco perchè non si voglia fare una consegna di case seria e sobria con tutte le istituzioni coinvolte e si debba fare una cerimonia come fosse un passaggio sotto un arco di trionfo quando sono migliaia quelli sbattuti ancora nelle tende in giro per l’Abruzzo. Lo sa cosa chiedo? Solo un pò di decenza". Stefania Pezzopane, presidente della provincia dell’Aquila è irritata e delusa, alla vigilia della puntata speciale di Porta a Porta, per l’enfasi sulla consegna delle case. "Spostare Ballarò? Assurdo…"  

 

Martedì la puntata di Ballarò non andrà in onda per lasciare spazio allo speciale di "Porta a Porta" sulla consegna delle case ai terremotati da parte di Berlusconi

E’ pazzesco, assurdo. Al di là della questione televisiva sconcerta la mancanza di sobrietà e umiltà di fronte alla gravità della situazione. Le quattro case che consegnano non sono niente rispetto alle migliaia di sfollati…

 

La consegna delle case ad Onna non è un fatto importante?

Certo che lo è ma è un piccolosissimo passo. Chiarisco, sono felicissima che a 200 famiglie sarà consegnata un’abitazione. Ho perso numerose persone ad Onna. Parenti, amici. Onna è il paese di mio padre… E’ chiaro che sono felice che i primi cittadini possano entrare in case con pareti rigide dopo oltre 5 mesi di attesa in tenda ma sono sconcertata dal fatto che un momento di sicura importanza possa venire utilizzato per scopi di altra natura, sostanzialmente propagandistica. Anche perchè le case che vengono consegnate non sono quelle del "Progetto case".

 

Perchè? Chi le ha costruite?

Sono quelle realizzate dalla provincia di Trento. I cittadini di Onna dovevano andare nelle abitazioni del "Progetto case" e non ci sono voluti andare, e si sono organizzati in Onlus; hanno fatto pressioni sulla protezione civile – e io li ho aiutati – e finalmente hanno ottenuto delle casette di legno vicino alle loro case. Come cittadini aquilani e rappresentanti degli enti locali che tanto ci stiamo adoperando per dare case a tutti e non a pochi, avevamo chiesto e continuiamo a chiedere sobrietà e umiltà nella consegna delle prime case. Se questo poi avviene addirittura annullando altre trasmissioni televisive c’è da rimanere allibiti.

 

Facciamo parlare le cifre. Ad oggi qual è la condizione degli sfollati?

Oltre 30mila persone sono ancora sulla costa e circa 16mila nelle tende. E’ stata chiusa una tendopoli ma le persone, tranne poche decine, non sono potute andare in casa e la gran parte è negli alberghi dell’Aquila o di comuni limitrofi. Le prime case dovevano essere consegnate il 4 e non è avvenuto. Tra l’altro le case che vengono consegnate ad Onna non sono, come era previsto, le palazzine dove sono state messe le bandierine ma quelle che sono già apparse in tv quando è venuto domenica in visita il presidente Napolitano.

 

Era stata annunciata l’apertura delle scuole

Anche quella è stata rimandata perchè molte delle scuole non sono pronte.

 

Da Presidente della Provincia cosa chiede?

Chiedo un atteggiamento radicalmente diverso, non autorefenziale. Qui si vuole dare l’idea che il problema è risolto quando decine di migliaia di persone sono ancora senza casa. Non capisco perchè non si voglia fare una consegna di case seria e sobria con tutte le istituzioni coinvolte e si debba fare una cerimonia come fosse un passaggio sotto un arco di trionfo quando sono migliaia quelli sbattuti ancora nelle tende in giro per l’Abruzzo. Lo sa cosa chiedo? Solo un pò di decenza.

 

Che clima c’è tra la gente?

La gente è insicura, aspetta. E proprio per questo, per il rispetto che meritano nella loro lunga attesa le istituzioni devono fare passi all’insegna della serietà e non della tracotanza.

 

Lei ha aderito alla manifestazione di sabato 19, perchè?

Perchè dal devastante terremoto che ha colpito la città dell’Aquila lo scorso 6 aprile, sono trascorsi mesi caratterizzati dalla disinformazione diffusa da molti media nazionali, soprattutto da alcune TV, che spesso hanno dipinto una realtà molto diversa da quella che viviamo quotidianamente, oscurando, di fatto, i molti problemi che continuiamo ad avere. La mia adesione vuole avere anche il significato di un grido d’allarme ed è un invito a tutti, istituzioni e cittadini, a vigilare affinché i mezzi di comunicazione non ci abbandonino in questa fase così difficile per il nostro territorio.

 

Questa voce è stata pubblicata in Politica controcorrente. Contrassegna il permalink.

2 risposte a E la vespa si divorò i flori…s

  1. Silvia ha detto:

    Propaganda…pura e semplice propaganda del Regime.Intanto gli italiani continuano a guardare "questa" TV e la gente dell\’Aquila a \’\’vivere\’\’ con dignità nelle tende mentre l\’inverno si avvicina… A quali altre oscenità dobbiamo assistere??

  2. Michele ha detto:

    A parte che sono riusciti a sospendere pure Matrix stasera, anche se non è proprio da considerarsi una grave perdita.Aggiungo la considerazione di Sabina Guzzanti:Caro Bruno Vespa e redazione e ordine dei giornalisti,voi che avete bloccato altri programmi tv perché l’Italia tutta sia davanti a porta a porta sta sera per ammirare la prontezza dell’intervento del governo sulla consegna delle case sappiate che se manipolerete la notizia sarete sbugiardati.Le case le ha fatte il Trentino non il governo, pur essendo solide e durature e antisismiche costano un terzo delle case della protezione civile e sono pure pronte per tempo a differenza di quelle della protezione civile. Qualsiasi affermazione trionfalistica ed elogio dell’operato di berlusconi e bertolaso sarebbe propaganda e uso del servizio pubblico a scopo privato. Le case fatte ad Onna sarebbero state come ormai si rende conto anche buona parte della popolazione aquilana, l’unica soluzione razionale. 1/2 mesi massimo nelle tende e poi moduli abitativi fino alla ricostruzione. La consegna delle case di Onna prova solo che il governo e la protezione civile hanno sbagliato tutto.Fonte: http://www.sabinaguzzanti.it/2009/09/15/a-vespa-the-show-must-go-home/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...