Una poesia al giorno toglie la mediocrità di torno: Rimbaud (6)

 

Si esalta e si deprime

il cuore intuendo la dolcezza dei cieli

 

 

 

Felicità

 

O stagioni, o castelli, quale anima è senza difetti?

O stagioni, o castelli,

ho fatto il magico studio della felicità che nessuno elude.

Oh, viva lei, ogni volta che canti il gallo gallico.

Ma non avrò più desideri: essa s’è incaricata della mia vita.

Questo incanto! prese anima e corpo e disperse ogni sforzo.

Come comprendere la mia parola? Bisogna ch’essa fugga e voli!

O stagioni, o castelli!

 

(Arthur Rimbaud)

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...