Una poesia al giorno toglie la nostalgia di torno: Vallejo (5)

 

Mi chiedo

 

Mi chiedo cosa stia facendo a quest’ora

la mia dolce Rita delle Ande,

dei canneti e dei ciliegi selvatici.

Ora che questo tedio mi soffoca e il sangue mi si è assopito,

pigra acquavite del mio essere.

 

Mi chiedo cosa stia facendo con quelle mani

che, quasi in penitenza,

eran solite stirare inamidati candori,

nei pomeriggi.

Ora che questa pioggia mi porta via il desiderio di continuare.

 

Mi chiedo che ne è della sua gonna con gli smerli;

dei suoi travagli; della sua andatura;

del suo profumo di canna da zucchero primaverile, di là.

 

Dev’essere sulla soglia,

intenta a guardare una nuvola veloce.

Un uccello di macchia sui tegoli del tetto manda un richiamo;

 

E con un brivido lei dirà, alla fine: «Gesù, che freddo!».

 

(Cesar Vallejo)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...