Una poesia al giorno toglie la reclusione di torno: Hikmet (1)

 

Nazim Hikmet è uno dei più grandi e geniali poeti del ventesimo secolo; le sue opere sono state tradotte in più di cinquanta lingue. Nasce a Salonicco, in Turchia (passata alla Grecia nel 1912), nel 1902. Muore a Mosca nel giugno del 1963.

 

 

 

Che sta facendo adesso…

 

Che sta facendo adesso

adesso, in questo momento?

E’ a casa? Per la strada?

Al lavoro? In piedi? Sdraiata?

Forse sta alzando il braccio?

Amor mio

come appare in quel movimento

il polso bianco e rotondo!

Che sta facendo adesso

adesso, in questo momento?

Un gattino sulle ginocchia

lei lo accarezza.

O forse sta camminando

ecco il piede che avanza.

Oh i tuoi piedi che mi son cari

che mi camminano sull’anima

che illuminano i miei giorni bui!

A che pensa?

A me? o forse…chi sa

ai fagioli che non si cuociono.

O forse si domanda

perchè tanti sono infelici

sulla terra.

Che sta facendo adesso

adesso, in questo momento?

 

(Nazim Hikmet)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...