Una poesia al giorno toglie la reclusione di torno: Hikmet (5)

 

Anche questa mattina mi sono svegliato

 

Anche questa mattina mi sono svegliato

e il muro la coperta i vetri la plastica il legno

si sono buttati addosso a me alla rinfusa

e la luce d’argento annerito della lampada

mi si è buttato addosso anche un biglietto di tram

e il giallo della parete e tre righe di scritto

e la camera d’albergo e questo paese nemico

e la metà del sogno caduta da questo lato s’è spenta

mi si è buttata addosso la fronte bianca del tempo

e i ricordi più vecchi e la tua assenza nel letto

e la nostra separazione e quello che siamo

mi sono svegliato anche questa mattina

e ti amo.

 

(Nazim Hikmet)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...