Una poesia al giorno toglie l’oscurità di torno: García Lorca (8)

 

Canzone castana

 

Mi perderei

nel tuo paese castano,

Maria del Carmen.

 

Mi perderei

nei tuoi occhi disabitati,

suonando la tastiera

della tua ineffabile bocca.

 

Nel tuo abbraccio perpetuo

sarebbe castano il vento

e avrebbe la brezza

il velluto del tuo volto.

 

Mi perderei

nei tuoi seni palpitanti,

nelle profonde oscurità

del tuo corpo soave.

 

Mi perderei

nel tuo paese castano,

Maria del Carmen.

 

(Federico García Lorca)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...