Una poesia al giorno toglie l’oscurità di torno: García Lorca (11)

 

Canzone erotica in tono di elegia lamentosa

 

Tutta l’oscurità di notti senza luna

nell’anima è addensata in un fior di lamento.

Nel calice d’acciaio essenze dei Mai Più,

e i petali si tingono d’un’elusa realtà.

La bocca salda e rosa non sentirà il contatto

delle mie labbra stanche di dare baci al vento.

Né le mani assetate nel mio atto dorato

vi lasceran violette recise nella carne.

Sul roveto fiorito restò la mia agonia

scorticata e ferita di Chopin e di piano,

cominciata in un ritmo sessuale e sereno.

E lontano la dea della Malinconia

taglia il mio fiore amaro con la sua calda mano,

imbiancandomi il capo con rose di memoria.

 

(Federico García Lorca)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...