Una poesia al giorno toglie l’ombra di torno: Verlaine (2)

 

Povera gente! L’Arte non è sbriciolare la propria anima; è di marmo o no, la Venere di Milo?

 

 

 

Seguidille

 

Bruna ancora non avuta,

io ti voglio quasi nuda

sopra un sofà tutto nero

in un boudoir tutto giallo,

come s’usava nell’anno

milleottocentotrenta.

Quasi nuda e non nuda,

la tua carne intraveduta

da una nube trasparente

di merletti che si schiude,

la tua carne dove corre

la mia bocca delirante.

Ti voglio troppo ridente

e inoltre dovrai essere

imperiosa, e cattiva

e perfida e qualcosa

di più se ti piacesse,

ma così lussuriosa!

Ah, il tuo corpo nero e rosa,

di chiar di luna soffuso!

Ah, te ne prego, posa

il gomito sul mio cuore

e il tuo corpo vittorioso,

tutto il tuo corpo che adoro.

Ah, il tuo corpo, che si corichi

sull’anima mia dolorosa

e su essa si riposi

e la soffochi se può,

e se il tuo capriccio vuole,

ancora, ancora, ancora!

splendide, gloriose,

bellamente furiose,

agitate nei loro

giovani giochi focosi,

sbatti il mio orgoglio giù, sotto

quelle tue chiappe gioiose!

 

(Paul Verlaine)

 

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...