Una poesia al giorno toglie il suicidio di torno: Majakovskij (2)

 

E così anche a me

 

Le flotte: anche loro convergono verso il porto.

Il treno: anche lui corre verso la stazione.

E io verso di te a maggior ragione,

perché io amo,

mi sento proteso e attratto.

L’ultimo cavaliere puškiniano scende

a godersi nel sotterraneo i suoi beni e a frugare.

Così io

a te ritorno, amata.

Mio è questo cuore,

e io godo di quanto è mio.

Voi ritornate a casa tutti lieti,

a raschiarvi di dosso

la sporcizia, radendovi e lavandovi.

Così io,

tornando a te.

Forse

non vado a casa mia io,

quando vengo da te?

Il grembo terrestre attende i terrestri.

Noi volgiamo alla mèta finale.

Così io

verso di te

tendo inesorabilmente:

anche appena separati,

anche appena abbiamo finito di vederci.

 

(Vladimir Majakovskij)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...