Una poesia al giorno toglie il suicidio di torno: Majakovskij (3)

 

Lilika

 

Il fumo della sigaretta ha mangiato l’aria.

Accanto a questa finestra

per la prima volta

In estasi, carezzai le tue mani.

Oggi ti vedo seduta,

il cuore in un’armatura di ferro.

Ancora un giorno

e mi scaccerai.

Nella buia anticamera la mia mano, scossa dal tremito,

nella manica a lungo tenterà d’infilarsi.

Balzerò fuori,

lancerò per strada il mio corpo.

Selvaggio, diverrò pazzo.

Non si deve giungere a questo:

cara, buona,

diciamoci adesso addio.

Tanto il mio amore,

peso come un macigno,

resta appeso al tuo collo

dovunque tu fugga.

Se lo sfiancano di lavoro, un bue,

andrà

a stendersi in gelide acque.

Ma al di là dell’amore per te,

per me non c’è mare.

Se anela al riposo lo stanco elefante

si sdraierà sulla sabbia infuocata:

ma al di là del mio amore per te,

per me non c’è sole.

E io non so neppure dove sei e con chi.

Non mi butterò dalla tromba delle scale,

non berrò il veleno,

non oserò premere il grilletto contro la tempia.

Lascia almeno

ch’io copra con un’ultima tenerezza

il tuo passo che si allontana.

 

(Vladimir Majakovskij)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...