Una poesia al giorno toglie il suicidio di torno: Majakovskij (7)

 

Ode alla rivoluzione

 

A te,

fischiata

e schernita dalle batterie,

a te,

piagata dalla maldicenza delle baionette,

levo con entusiasmo

ad aleggiare sull’insulto

dell’ode il solenne

«oh!».

 

Oh, ferina!

Oh, infantile!

Oh, pezzente!

Oh, grande!

Come chiamarti ancora?

Come ancora ci apparirai, di fronte?

Armonioso edificio

o ammasso di macerie?

 

Al macchinista,

impolverato di carbone,

al minatore che perfora strati di minerale,

tu dài,

tu dài il tuo pio incenso,

e glorifichi il lavoro umano.

Ma domani

il beato Vasili

invano innalzerà, implorando mercé,

le capriate della cattedrale,

i grifi ottusi dei tuoi sei pollici

diroccheranno i millenni del Cremlino.

 

Rantola il Gloria

nell’estrema crociera.

Strozzato è lo strido delle sirene.

Tu mandi i marinai

sull’incrociatore che affonda,

dove,

dimenticato,

miagolava un gattino.

E dopo!

 

Urlavi, folla ubriaca.

I baffi baldanzosi arricciati alla brava.

A Helsinki sbatti fuori,

a capofitto dal ponte,

canuti ammiragli col calcio dei fucili.

Lecca e rilecca le ferite di ieri,

io vedo sempre le tue vene recise.

 

È per te il filisteo:

«Oh, sii tre volte maledetta!»,

ma anche il mio saluto

di poeta:

«Oh, quattro volte gloriosa e benedetta!».

 

(Vladimir Majakovskij)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...