L’angolo del rifiuto I

 

Per la serie: quando da un rifiuto nasce un matrimonio. Buffone saccente e scontrino, con la supervisione della più brava e straordinaria psicologa dell’universo finora conosciuto, e con la sponsorizzazione di AmmazzaCheNasca, l’omogeneizzato per bimbi dal naso un po’ pronunciato che necessitano di una limousine per essere imboccati, di Nesquit, l’ideale colazione per fare crescere la codona da pantegana avatar, di MigoYKalli, la nuova tastiera ergonomica per pianisti delicati  e di Romaticateo, il corso baciatorio in comodi 129 volumi che eviti a lei frasi del tipo: “Cerca di non rovinarmi il trucco…”, che sottragga a lui considerazioni del tipo: “Finalmente posso baciare qualcuna che non devo gonfiare…” e che non faccia dire ad entrambi: “I baci lunghi mi danno fastidio alle tonsille…” è lieto di presentare un nuova rubrica di cui nessuno sentiva la mancanza e che farà domandare ai valorosi che oseranno leggere queste pagine se anche questo peccato andrà a finire nella lista delle cose divertenti che non si faranno mai più (Wallace copyright), se non si ha un forte antidepressivo nell’armadietto, se non era il caso di entrare in menopausa anticipata, se Rete4 magari trasmette…, se non è forse meglio spegnere la luce, se qualcuno mi ha mai consigliato una liposuzione al cervello, se realizzeranno mai un documentario su di me, se lo faccio perché sono alla disperata ricerca di un aumento: l’angolo del trash, lo spigolo di ciò che non si vedeva l’ora di risentire, il cantuccio di ciò che si era preferito dimenticare, il nascondiglio delle meraviglie trascurate d’Italia.

Questa settimana si inizia con gli immortali (purtroppo) Ricchi e Poveri e uno dei loro pezzi più riusciti (figurarsi gli altri) accompagnato da un video davvero orripilante in cui il cagnolino sembra essere l’unico essere umano e che contiene perle del tipo: “Strano e colorato come un film americano”, “Forte come il gusto della grappa contadina”, “Bianco come il trenta di dicembre la mattina”, “Grande amore detto all’ultimo gettone”, “Diffidente come un gatto nel lasciarsi accarezzare”, “Sotto questo cielo preso da una cartolina siamo soli”. E se non vi viene da cantare a squarciagola il ritornello, siete davvero insensibili e vi meritate Apicella…

 

   

 

Fonte: http://www.youtube.com/user/2501feli

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Dj Mike. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...