Una poesia al giorno toglie il sospetto di torno: Dalton (2)

 

Credo del Che

 

Il Che Gesù Cristo

venne fatto prigioniero

dopo aver concluso il discorso sulla montagna

(con sottofondo il ticchettio dei mitragliatori)

da rangers boliviani ed ebrei

 

comandati da capi yankee-romani.

Lo condannarono scribi farisei revisionisti

il cui portavoce era Caifa-Monge

mentre Ponzio Barrientos trattava di lavarsi le mani

parlando in inglese militare

 

sulle spalle del popolo che masticava foglie di coca

senza nemmeno avere l’alternativa di un Barabba

(Giuda Iscariota  era di quelli che disertarono dalla guerriglia

e indicarono la strada ai rangers)

 

Dopo  collocarono a Cristo Guevara

una corona di spine e una tunica da pazzo

e gli appesero al collo un cartello come burla

INRI : Istigatore Naturale della Ribellione degli Infelici

 

Poi gli fecero caricare  la sua croce sopra la sua asma

e lo crocifissero con raffiche di M-2

e gli tagliarono la testa e le mani

e bruciarono tutto il resto affinché le ceneri

 

sparissero con il vento

Dopo di che non gli è rimasto al Ché altra strada

se non quella di resuscitare

e restare alla sinistra degli uomini

 

esigendo loro di affrettare  il passo

per i secoli dei secoli

Amen.

 

(Roque Dalton)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...