Una poesia al giorno toglie l’inciviltà di torno: Kavafis (5)

 

Il dicembre del 1903

 

E se non posso dire del mio amore –

se non parlo dei tuoi capelli, delle labbra, degli occhi,

serbo però nell’anima il tuo viso,

il suono della voce nel cervello,

i giorni di settembre che mi sorgono in sogno:

e dan forma e colore a parole e frasi

qualunque tema io tratti, qualunque idea io dica.

 

(Konstantinos Kavafis)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...