Una poesia al giorno toglie l’insipienza di torno: Luzi (7)

 

Da dove ci chiamano i rimorsi?

 

Da dove ci chiamano i rimorsi?

Assenza,

assenza non sa il cuore di chi

né di che ima

perdutissima sostanza.

Sa solo che è incolmabile

quel vuoto, quella lacuna

non fosse il dilagare,

talora, d’una fervida

celestiale sovrabbondanza.

 

(Mario Luzi)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...