Una poesia al giorno toglie la codardia di torno: Heraud (2)

 

Ci promisero la felicità

 

Ci promisero la felicità

e finora non ci hanno dato nulla.

Perchè innalzare promesse se

nell’ora della pioggia non

avremo che il sole e il grano morto ?

 

Perchè raccogliere e raccogliere se

poi ci toglieranno il mais,

il grano, i fiori e la frutta ?

Per avere un po’ di riposo non

vogliamo aspettare le promesse e

le suppliche:

Dovremo arrivare alla nascita

stessa della strada, rifare tutto,

a passi lenti ritornare spargendo

piogge sui campi,

seminando grano con le mani,

raccogliendo pesci con le nostre

bocche interminabili.

Di niente vogliamo approfittare,

oh allegria!

Sarebbe stato meglio naufragare

e non arrivare,

perchè adesso dobbiamo tutto

farlo con le mani:

costruire parole come

tronchi, non supplicare né

gemere, ma finire,

concludere a bastonate con la terra morta.

 

(Javier Heraud)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...