Una poesia al giorno toglie il fastidio di torno: Eluard (9)

 

Abbiamo creato la notte

 

Abbiamo creato la notte ti tengo la mano e veglio

E ti tengo con tutte le forze

E incido su una roccia l’astro delle tue forze

Solchi profondi dove la bontà del tuo corpo germinerà

E mi ripeto la voce tua segreta la voce tua pubblica

E rido ancora dell’orgogliosa

Che tratti come una mendicante

Dei folli che rispetti dei semplici in cui ti specchi

E nella mia testa che dolcemente s’accorda con la tua con la

notte

Mi meraviglio dell’ignota che diventi

Un’ignota simile a te simile a tutto ciò che amo

Che è sempre nuovo.

 

(Paul Eluard)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...