Una poesia al giorno toglie il fastidio di torno: Eluard (14)

 

Tra la luna e il sole

 

Io te lo dico leggiadra e luminosa

La tua nudità lambisce i miei occhi di bimbo

Ed è l’estasi del cacciatore felice

D’aver fatto crescere selvaggina trasparente

Che si dilata in un vaso senz’acqua

Come un seme nell’ombra di un sasso

Io ti vedo nuda arabesco intrecciato

Lancetta molle ad ogni giro di orologio

Sole immobile nel corso di una giornata

Raggi intrecciati dei miei piaceri.

 

(Paul Eluard)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...