Una poesia al giorno toglie la distopia di torno: Boye (9)

 

Via media

 

Ho invocato una volta gioia senza limiti,

ho invocato una volta dolore, senza fine come lo spazio.

 

Davvero la modestia cresce con gli anni?

Bella, bella è la gioia, bello è anche il dolore.

 

Ma più bello è stare sul campo della sofferenza

con cuore placato e vedere che il sole risplende.

 

(Karin Boye)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...