Una poesia al giorno toglie la distopia di torno: Boye (10)

 

Quiete della sera

 

Senti come abita vicina la Realtà.

Respira qui a fianco

in sere senza vento.

Forse si mostra quando nessuno crede.

Il sole scivola su erba e roccia.

Nel tacito gioco di lei

è nascosto lo spirito della vita.

 

Mai come stasera fu così vicino.

Ho incontrato uno straniero silenzioso.

Se avessi teso la mano,

avrei sfiorato la sua anima,

quando ci siamo incrociati, con timidi passi.

 

(Karin Boye)

 

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...